Questa primavera porta un motivo estremamente importante per fare un po’ di pulizia nei nostri armadi. H&M, infatti, ha deciso di contribuire a contrastare sprechi e inquinamento attraverso un’operazione che ci consentirà di riciclare i nostri abiti vecchi. Ogni anno tonnellate di abiti vengono scartati per finire in discarica insieme ai rifiuti domestici. Secondo il marchio svedese, il 95% di questi rifiuti potrebbe essere riciclato. Quest’anno sarà possibile recarsi in un qualunque punto vendita con un sacchetto contenente gli abiti che non vogliamo più, per ricevere un buono di 5 euro. Gli abiti verranno poi affidati al partner del progetto I:Collect, che si occuperà di gestire le varie operazioni di reciclo. H&M è il primo brand di abbigliamento a manifestare una sensibilità ambientale di questo tipo. La sua volontà Eco, del resto, è evidente anche nella nuova collezione Conscious Collection”, ispirata alla cultura del ciclismo urbano e realizzata con materiali eco come canapa, cotone o poliestere e prodotta in collaborazione con il celeberrimo negozio londinese Brick Lane Bikes. L’operazione lanciata da H&M non è solo importante per la sua anima eco ma soprattutto perché lancia un messaggio importante e controcorrente, che ci auguriamo diventi presto “di moda” – in un ambito che incoraggia e premia a cambiare rapidamente, noi scegliamo di intraprendere un percorso più lungo e continuativo, con strategie a lungo termine nella produzione di collezioni prodotte con materiali riciclabili e organici che lasciano meno spazio alle tendenze del momento, per dare più attenzione alla sostenibilità di ciò che indossiamo – spiega Catarina Midby, Global Fashion e Trend Coordinator di H&M.