Derby sotto l’albero per la città di Milano. Sì perchè domenica 22 dicembre alle 20.45 allo stadio Giuseppe Meazza in San Siro va in scena la stracittadina, il ‘Derby della Madonnina’ tra Milan e Inter, sfida valida per 17esima giornata del campionato 2013-2014 di serie A e ultima partita del massimo campionato per quanto riguarda l’anno solare 2013 prima della sosta per le festività.

Nel capoluogo meneghino è molto di più di una semplice partita di calcio, è una rivalità storica quella tra rossoneri e nerazzurri, un duello che divide la popolazione della città e dell’hinterland (senza tralasciare i tifosi del resto d’Italia), ma anche personaggi famosi e svariati vip che non perdono l’occasione per dar luogo a sfottò, battute e ironie su partite del passato, su questo o quel giocatore. Di derby se ne sono giocati una marea: 279 in tutto (108 vittorie rossonere, 98 successi nerazzurri e 73 pareggi), 210 in gare ufficiali (73 vittorie rossonere, 75 successi nerazzurri e 82 pareggi), 180 soltanto in campionato (60 vittorie rossonere, 67 successi nerazzurri e 53 pareggi).

Nelle ultime 10 sfide disputate, l’Inter ne ha vinte 7, una è finita in parità, la più recente (1-1 dello scorso 24 febbraio) e soltanto due sono andate ai rossoneri, una delle quali è valsa però la Supercoppa Italiana 2011 giocata a Pechino. Per quanto riguarda i singoli record, il più presente è Paolo Maldini, capitano e bandiera del Milan, che ha giocato ben 56 derby: seguono Javier Zanetti, attuale capitano dell’Inter, a quota 46, e Beppe Bergomi, ex bandiera nerazzurra con 44. Se andiamo a vedere i goleador nella stracittadina, nessuno vale Andriy Shevchenko, che in maglia rossonera ha firmato ben 14 reti: il bomber venuto dall’Ucraina ha strappato il primato a Giuseppe Meazza, l’uomo cui è intitolato lo stadio di San Siro, che ha realizzato 13 gol, 12 con l’Inter e uno con la maglia del Milan.

Il match che si giocherà il 22 dicembre alle 20.45 a San Siro il quinto che andrà in scena a ridosso di Natale: il primo, il 19 dicembre 1920, finì 0-0; il 17 dicembre 1939 i rossoneri si imposero con un secco 3-0; vittoria Milan, per 1-0 (autogol di Ferri), anche il 20 dicembre 1987; l’Inter ha invece conquistato l’ultimo confronto, quello del 23 dicembre 2007, un 2-1 in rimonta firmato da Cruz e Cambiasso (Pirlo per il Milan, fresco vincitore del Mondiale per Club in Giappone).

Per certi versi la prossima sfida tra Milan e Inter segnerà una svolta storica: dopo 18 anni sarà la prima stracittadina con i nerazzurri non più di proprietà della famiglia Moratti, con Massimo presidente, ma appartenenti al magnate indonesiano Erick Thohir, fresco di acquisizione del 70% del pacchetto azionario del club; in casa rossonera pare invece sarà l’ultimo derby con la storica dirigenza capitanata da Adriano Galliani, destinato a lasciare il timone della società a Barbara, figlia del presidente Silvio Berlusconi.

In campo sarà come sempre una sfida sentitissima perchè non ci sono solo i tre punti per la classifica in palio, ma c’è soprattutto una supremazia cittadina da conquistare e una tifoseria da far festeggiare. Da una parte il Milan allenato da Massimiliano Allegri e con sul terreno di gioco la classe del brasiliano Kakà (ha segnato il suo primo gol in maglia rossonera proprio in un derby, nel 2003) e l’estro del chiacchieratissimo Mario Balotelli; dall’altra l’Inter di Walter Mazzarri, una squadra essenziale e cinica, che si affida all’esperienza di Zanetti e Cambiasso, alla forza fisica di Guarin e alla vena realizzativa mai doma dell’argentino Rodrigo Palacio.