Onda

Portogallo, Estonia, Irlanda, Francia e ovviamente Italia: cinque stati per cinque lidi, dove poter vivere un “mercoledì da leoni”. Se amate il surf, ecco dunque cinque destinazioni al top: resta solo da organizzare il viaggio e mettersi alla prova. Al volo ci penseranno le compagnie low cost, per il trasporto della vostra attrezzatura c’è BagExpress.

Peniche
Si trova un centinaio di chilometri a nord di Lisbona: la spiaggia di Supertubos a Peniche offre la possibilità di praticare il surf tutto l’anno. Arrivarci non è difficile: basta prendere un volo dall’Italia (con easyJet da Milano, Roma o Venezia) per la capitale portoghese, quindi farsi un’ora e mezza di bus verso il piccolo villaggio di pescatori. La particolarità: “il pipeline” d’Europa offre onde che creano lunghi corridoi vuoti (i “supertubos”) che attraggono surfisti da ogni angolo del mondo.

Hiiumaa
Non si trova alle Hawaii, ma nel grande nord dell’Europa. L’isola di Hiiumaa è la seconda più grande dell’Estonia: oltre ad essere un capolavoro naturalistico offre la spiaggia sabbiosa di Surf Paradiis, punto di ritrovo per tutti i surfisti. Dall’Italia è possibile raggiungere Tallinn partendo da Milano con Ryanair o con Air Baltic (che collega anche Roma alla capitale estone). Dal capoluogo lombardo è possibile anche scegliere Estonian Air, la compagnia di bandiera dell’Estonia. Una volta arrivati servirà dirigersi verso Rohuküla, quindi traghettare per Heltermaa.

Bundoran
Si trova nella Contea del Donegal, nel nord ovest dell’Irlanda: spot di grande appeal, villaggio di pescatori che mette in mostra spiagge per surfisti. E la natura circostante non teme paragoni. Come arrivarci? Aer Lingus e Ryanair collegano parecchie città italiane a Dublino (servono tre ore d’auto per coprire il tragitto), mentre da Milano si può raggiungere l’aeroporto di Knock, distante solo un centinaio di chilometri da Bundoran. Un ottima tappa per un fly and drive: il periodo consigliato è quello di settembre/ottobre.

Soorts-Hossegor
Piccolo comune posizionato nel Golfo di Biscaglia, affacciato sull’Oceano Atlantico: si trova a cinquanta chilometri dal confine con la Spagna, a ottanta dalla magica San Sebastian. È diventato un luogo d’elite per il grande surf, dove si ritrova sempre più gente ad ammirare le evoluzioni dei surfisti. Ci si arriva volando su Bordeaux, con Ryanair da Roma e Bologna, distante due ore di macchina.

Capo Mannu
Questa spiaggia, che deve il nome al suo promontorio roccioso, si trova a poco più di venti chilometri da Oristano. Diverse spiaggette si pareranno davanti a voi: alla ricerca del point break nel bellissimo mare della Sardegna. Esposto a tutti i venti, non mancheranno le onde. Per arrivarci serve volare su Alghero (o Cagliari, ma è leggermente più lontano) quindi coprire (preferibilmente in auto) i 100 chilometri di costa ovest sarda.