Sarà una notte di stelle allo stadio Olimpico di Roma il prossimo giovedì 6 giugno per l’atteso appuntamento con il Golden Gala di atletica leggera. Una tappa fissa, quella capitolina, che fa parte del calendario mondiale della Diamond League e che attira tantissima gente tra appassionati e non sugli spalti dell’impianto situato nel complesso sportivo del Foro Italico per vedere campioni assoluti del calibro di Usain Bolt, Blanka Vlasic e Allyson Felix.

A 33 anni dalla prima edizione del 1980, voluta da Primo Nebiolo, dirigente della federazione internazionale IAAF, e a 60 dall’inaugurazione dello stadio Olimpico, il Golden Gala 2013 sarà dedicato a Pietro Mennea, lo sprinter azzurro e simbolo dello sport italiano scomparso lo scorso 21 marzo all’età di 60 anni e in pista proprio in quella prima volta del 1980. Quest’anno, quinta prova del calendario di Diamond League dopo Doha, Shanghai, New York e Eugene, il meeting capitolino vedrà ai nastri di partenza ben 20 atleti italiani e 38 medagliati alle ultime Olimpiadi di Londra, alcuni dei quali, 36, campioni anche agli ultimi mondiali di Daegu, in Corea del Sud.

Il programma della serata è articolato su 18 gare, 9 maschili e 9 femminile, scatterà alle 18.15 con la prova del lancio del disco donne e si chiuderà alle 22.20 con i 110 metri ostacoli uomini. Il momento clou sarà alle 21.33 quando gli sprinter più veloci del mondo gareggeranno nella prova regina, i 100 metri piani: l’uomo da battere è ovviamente il giamaicano Usain Bolt, autentico idolo dell’Olimpico e in generale di tutti gli impianti in cui gareggia. Il detentore del record mondiale proverà a migliorare il primato del meeting romano, stabilito nel 2012 in 9.76 secondi: cercheranno di contrastarlo gli americani Justin Gatlin e Mike Rodgers, e l’altro giamaicano Michael Frater.

Grande curiosità anche per vedere all’opera gli atleti italiani. In dubbio la presenza di Fabrizio Donato, bronzo olimpico nel salto triplo, sarà Daniele Greco, campione europeo indoor, il grande avversario dell’americano Christian Taylor, re a Londra. La giovane Alessia Trost, campionessa del mondo juniores, sfiderà nel salto in alto le regine della specialità ovvero la croata Blanka Vlasic e la russa Anna Chicherova. Saranno addirittura tre le italiane a gareggiare nei 100 metri ostacoli: Micol Cattaneo, Marzia Caravelli e Veronica Borsi daranno battaglia contro l’americana Dawn Harper, argento a Londra. Nelle altre gare sono da seguire il francese Lavillenie nel salto con l’asta, l’americana Allyson Felix nei 200 metri, il russo Shubenkov nei 110 ostacoli, il portoricano Culson nei 400 ostacoli, LaShawn Merritt nei 400 uomini, Amante Montsho nei 400 donne, Britney Reese nel lungo donne e Sandra Perkovic nel disco donne.

Va inoltre sottolineato come a Roma, nelle 32 edizioni del Golden Gala, sono stati infranti ben 8 record del mondo: l’ultimo risale al 2008 quando la russa Yelena Isinbayeva si arrampicò fino ai 2.03 metri nel salto con l’asta. Emozionanti furono invece i primati del marocchino Hicham El Guerrouj nel 1998 sui 1500 metri (3’26”00) e nel 1999 sul miglio (3’43”13).